Passa a livello superiore
Accesso
Servizi riservati

Piano d'azione contro l'usura
Il mondo bancario è da tempo impegnato nel contrasto e nella prevenzione dell'usura, in collaborazione con i diversi enti competenti in materia.
Nel luglio 2007 l'ABI ha siglato l'”Accordo quadro nazionale per la prevenzione dell'usura e per il sostegno alle vittime del racket, dell'estorsione e dell'usura”.
L'accordo, promosso dal Ministero dell'interno, è stato sottoscritto anche dal Ministero dell'economia e delle finanze, dalla Banca d'Italia, dal Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, dalle associazioni degli operatori coinvolti (Confidi, associazioni e fondazioni antiusura).
A questa iniziativa si sono aggiunti nel tempo circa 80 accordi di livello locale con le Prefetture.
I fondi, stanziati dal Ministero dell'economia e delle finanze, sono gestiti da soggetti autorizzati, le associazioni e le fondazioni antiusura riconosciute come gestori del Fondo di prevenzione previsto dall’art. 15 della L. 108/96. Queste ultime utilizzano i contributi anzidetti per la prestazione di garanzie a banche e intermediari finanziari al fine di favorire l'erogazione di finanziamenti a soggetti che incontrano difficoltà di accesso al credito e potrebbero essere dunque a rischio usura.
In applicazione di quanto previsto nell’ Accordo quadro del 2007, le banche e gli intermediari finanziari hanno stipulato, con i soggetti gestori delle risorse del Fondo di prevenzione, le convenzioni sulle modalità di attivazione, gestione ed eventuale escussione delle garanzie concesse tramite il fondo di prevenzione usura.
Il 10 dicembre 2015 l’Associazione bancaria italiana e la Consulta nazionale antiusura “Giovanni Paolo II Onlus”, in rappresentanza delle associazioni e delle fondazioni antiusura presenti sul territorio nazionale, dopo un lungo percorso di riflessione congiunta, hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa recante le “Linee Guida in materia di convenzioni tra le Banche e le Fondazioni e Associazioni che gestiscono i fondi di prevenzione dell’usura ai sensi della Legge 108/1996”.
Il suddetto Protocollo ha l’obiettivo di assicurare un efficiente utilizzo del Fondo di prevenzione e di  dotare le parti di uno strumento utile a semplificare i rapporti tra banche e associazioni/fondazioni in merito all’applicazione delle previsioni contenute nelle convenzioni in essere e da stipulare.
A tale scopo le Linee guida definiscono taluni aspetti operativi/procedurali nell’ottica di accrescere la tempestività e l’efficacia della misura: si tratta, in particolare, di previsioni riferibili alla fase di istruttoria delle pratiche, all’operatività del moltiplicatore, alle garanzie e alla loro escussione.
Filtra per
03/02/2016
[1480 Kb]
Sottoscritte da ABI e Consulta nazionale antiusura il 12 dicembre 2015
30/12/2009
[209 Kb]
Comunicato stampa e Accordo costitutivo del 14 luglio 2009
30/12/2009
[140 Kb]
Testo sottoscritto il 31 luglio 2007
1 
News correlate
Linee guida definite dall'ABI e dalla Consulta nazionale antiusura
  • Stampa
  • Bookmark