Passa a livello superiore
Accesso
Servizi riservati

Prosegue il viaggio della settima edizione di 'Dante 2021'
(15 settembre 2017) Giovedì 14 settembre si è tenuto un confronto tra il Direttore de La Stampa, Maurizio Molinari e il Presidente dell’ABI Antonio Patuelli sul valore di 'comunità' al tempo della globalizzazione
 

    ​Prosegue il viaggio della settima edizione di ‘Dante 2021’, in cui passato e presente si intrecciano. Giovedì 14 settembre, la Sala Dantesca della biblioteca Classense – così ribattezzata nel 1921, in occasione delle celebrazioni del sesto centenario della morte del Sommo Poeta – ha ospitato la conversazione tra il direttore de ‘La Stampa’ Maurizio Molinari e Antonio Patuelli, Presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna e dell’Associazione Bancaria Italiana, sul valore di ‘comunità’ al tempo della globalizzazione.
    A partire da una citazione dantesca - «e sonar nella voce e “io” e “mio” / quand’era nel concetto “noi” e “nostro”» (Paradiso XIX, vv. 11-12) – Molinari e Patuelli hanno dialogato sulla perdita nella società contemporanea del senso del noi. Nei tempi della globalizzazione e del movimento di grandi masse di persone qual è ancora il valore della “comunità”?

    ​Prosegue il viaggio della settima edizione di ‘Dante 2021’, in cui passato e presente si intrecciano. Giovedì 14 settembre, la Sala Dantesca della biblioteca Classense – così ribattezzata nel 1921, in occasione delle celebrazioni del sesto centenario della morte del Sommo Poeta – ha ospitato la conversazione tra il direttore de ‘La Stampa’ Maurizio Molinari e Antonio Patuelli, presidente della Cassa di Risparmio di Ravenna e dell’Associazione Bancaria Italiana, sul valore di ‘comunità’ al tempo della globalizzazione.
    Si è partito in particolare da una citazione, e quindi da una prospettiva dantesca: i versi «e sonar nella voce e ‘io’ e ‘mio’/quand’era nel concetto ‘noi’ e ‘nostro’» (Paradiso XIX, vv. 11-12).
    • Stampa
    • Bookmark