Passa a livello superiore
Accesso
Servizi riservati

Sabatini in tema di Accordo su politiche commerciali e Odl
​(2 luglio 2018) L’Accordo nazionale su politiche commerciali e organizzazione del lavoro dell’8 febbraio 2017 rappresenta un importante risultato alla base di relazioni sindacali ulteriormente costruttive e volte a condividere principi e criteri di comportamento su un tema di grande attenzione, qual è la ‘cultura delle regole’.
    L’Accordo – finalizzato a rinnovare la centralità del settore bancario ed il suo fondamentale ruolo a sostegno dell’economia del Paese ed a tutela del risparmio, nell’interesse di famiglie, imprese e territori – per le sue caratteristiche è stato considerato di interesse non solo nazionale. “L’Accordo - ha chiarito Giovanni Sabatini, Direttore Generale dell’ABI - è stato presentato a livello europeo nell’ambito dei lavori della Federazione Bancaria Europea, riscuotendo attenzione ed interesse”.
    L’Accordo prevede che le banche possano stipulare specifici accordi aziendali/di gruppo in materia o adeguare le intese già in essere.
    “Ad un primo monitoraggio - ha aggiunto Sabatini - risulta come le banche e i gruppi bancari che hanno proceduto in tal senso, o che hanno in corso il relativo confronto con le Organizzazioni sindacali, rappresentano oltre il 75% delle persone che lavorano in banca”.
    “Altre aziende - ha continuato Sabatini - hanno comunque inserito specifiche previsioni all’interno di più ampi accordi aziendali, tenuto anche conto che per le realtà di minori dimensioni (fino a 1.500 dipendenti) l’accordo nazionale prevede un iter semplificato di attuazione”.
    “Appare quindi - ha concluso Sabatini - come l’accordo nazionale stia registrando un’ampia attenzione nel dialogo sindacale in essere nelle imprese bancarie, dando diffusione ed attuazione ai principi e previsioni in esso contenuti in larga parte del settore”.
    • Stampa
    • Bookmark