Passa a livello superiore
Accesso
Servizi riservati
Produzione elenco crediti verso Pa
Produzione dell’elenco dei crediti certi, liquidi ed esigibili vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica amministrazione, ceduti a banche ed intermediari finanziari.
 
Il Decreto legge n. 35/2013, convertito con modifiche dalla Legge n. 64/2013, contiene specifiche disposizioni in tema di pagamento dei debiti scaduti della Pubblica amministrazione.
In particolare, il decreto prescrive che le banche e gli intermediari finanziari, per il tramite dell’Associazione bancaria italiana, comunichino al Ministero dell'economia e delle finanze, entro il 15 settembre 2013, l'elenco completo dei crediti certi, liquidi ed esigibili maturati dalle imprese nei confronti della Pa alla data del 31 dicembre 2012, che sono stati oggetto di cessione in proprio favore.
Per ciascun credito, devono essere indicati i dati identificativi del cedente, del cessionario e dell'amministrazione debitrice; distinguendo tra cessioni pro-soluto e cessioni pro-solvendo.
 
Per poter acquisire queste informazioni è stata predisposta una specifica piattaforma web.
Si fornisce l'Elenco degli intermediari autorizzati con relativi codici.
 
Nella lista di documenti che segue (diffusa da Ragioneria generale dello stato e Ministero dell’economia e delle finanze) sono disponibili, in formato elettronico, informazioni di dettaglio di alcune delle amministrazioni pubbliche presenti in questo Elenco dell'Istat, che le suddivide per tipologia di ente.
Filtra per
02/07/2013
[7 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[9 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[12 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[10 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[20 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[32 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[10 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[318 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[28 Kb]
Codici identificativi
02/07/2013
[8 Kb]
Codici identificativi
1  ... 
Filtra per
11/08/2013
[131 Kb]
1 
 
 
​COMUNICATO STAMPA
 
Debiti PA: ABI, a quota 6 mld i crediti ceduti a banche e intermediari
 
Ammontano a 6,2 miliardi i crediti PA, scaduti entro la fine del 2012 e quindi pagabili, che le imprese hanno ceduto a banche e intermediari finanziari. Per circa 3,5 miliardi di crediti la banca ha avuto un trasferimento pieno, mentre per 2,7 miliardi l’impresa resta a garanzia. Le imprese hanno effettuato circa 1 milione e 200 mila operazioni a 161 banche e intermediari. È quanto emerge dalla rilevazione che l’ABI ha appena concluso sui crediti della Pubblica Amministrazione ceduti dalle imprese. I risultati sono stati trasmessi al Ministero dell’Economia e delle Finanze. La normativa in tema di pagamento di debiti scaduti della Pubblica Amministrazione prevede infatti che le banche e gli intermediari finanziari, attraverso l’Associazione bancaria italiana, comunichino al Ministero l'elenco completo dei crediti certi, liquidi ed esigibili maturati dalle imprese nei confronti della PA al 31 dicembre 2012.
 
Ecco i risultati dell’indagine in estrema sintesi:
  • sono stati sentiti 1.813 banche e intermediari finanziari, potenzialmente autorizzati ad effettuare operazioni di acquisizione di crediti commerciali vantati da imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione;
  • 161 banche e società di factoring e leasing hanno dichiarato di avere crediti certi, liquidi ed esigibili nei confronti della PA al 31 dicembre 2012, ceduti in proprio favore;
  • sono state segnalate circa 1.276.100 operazioni di cessione, di cui 1.137.800 (l’89,2% del totale) nella forma pro-soluto, che realizza per la banca il pieno trasferimento dei rischi e dei benefici connessi con le attività oggetto della transazione,  e 138.300 (il 10,8%) nella forma del pro-solvendo, che non comporta per la banca il completo trasferimento;
  • l’importo dei crediti maturati dalle imprese nei confronti della PA al 31 dicembre 2012 e non estinti è pari 6.166.000.000 di euro di cui:
  • le cessioni pro-soluto in termini di ammontare sono pari al 56,4% del totale, per complessivi 3.476.628.000 di euro;
  • le cessioni pro-solvendo sono pari al 43,5% del totale, per 2.683.245.000 di euro;
  • l’importo medio del totale dei crediti ceduti è pari a 4.830 euro, 3.056 euro per le cessioni pro soluto e 19.399 euro per le cessioni pro solvendo.
 
Roma, Palazzo Altieri, 25 settembre 2013
 
 
  • Stampa
  • Bookmark