Passa a livello superiore
Accesso
Servizi riservati

Palazzo Bossi-Bocchi

Dettaglio e caratteristiche del palazzo.

 

 

Palazzo Bossi-Bocchi
FONDAZIONE CARIPARMA
Strada Al Ponte Caprazucca, 4
 
Palazzo Bossi Bocchi, sede della Fondazione, è anche la sede espositiva delle sue Collezioni d’Arte. Lo spazio, allestito e concepito per essere una testimonianza della cultura e dell’arte della città di Parma, costituisce ormai un luogo inserito all’interno degli itinerari artistico-culturali di Parma. Percorrendo le sale del palazzo si trovano opere d’arte che raccontano la storia del ducato. Importanti lasciti hanno ampliato i confini della raccolta oltre l’ambito locale, rivelando la raffinatezza di alcune collezioni private. Suggestiva, infine, la sezione dedicata alla storia della moneta e della cartamoneta nei sotterranei del palazzo.
MOSTRA
In occasione della XVII edizione di “Invito a Palazzo” sarà inaugurata la mostra FESTE SOVRANE. Teatralità ed effimero alla corte dei Farnese tra il 1618 e il 1750, inserita tra le manifestazioni per la ricorrenze dei 400 anni di storia del Teatro Farnese, meraviglioso apparato ligneo voluto da Ranuccio I Farnese nel 1618 e inaugurato per le feste nuziali di Odoardo Farnese e Margherita de Medici nel 1628. L’esposizione è dedicata agli apparati effimeri, quali archi trionfali, catafalchi funebri e macchine pirotecniche che, tra il XVII e la prima metà del XVIII secolo, hanno contrassegnato alcuni luoghi della città di Parma in occasione degli eventi festivi o funerei. Al pari delle maggiori dinastie italiane, i Farnese investirono notevoli risorse finanziarie durante il loro dominio nel ducato parmense (1545-1731) per consolidare il proprio potere e propagandare il fasto di uno stato in realtà fragile e fortemente indebitato. Per questo obbiettivo si affidarono ad abili artisti e a valenti artigiani, in grado di allestire eventi spettacolari che coinvolgessero tanto le élite quanto i sudditi, con momenti riservati agli uni e aperti agli altri. Allestita al piano terra del Palazzo, rimarrà aperta fino al 16 dicembre 2018.








 

 

 

 

Il palazzo ha partecipato alle seguenti edizioni:

  • Stampa
  • Bookmark